Come tei bela Spesa!

18 07 2008

Non ne sappiamo un cazzo dell’America, non abbiamo idea delle situazioni che possono succedere e tantomeno conosciamo i modi di vivere della gente che ci abita. Si è vero, i grattacielici, le 44 magnum e gli inseguimenti alla Blues Brothers sono fighi da vedere, ma cosa ne sappiamo in fin dei conti…Tutto troppo grande, troppo stereotipato…Troppo incerto per noi semplic ragazzini Italiani…avremmo sicuramente fatto delle stronzate in qualche punto del racconto che qualche espertone ci avrebbe di certo fatto notare… Quindi perchè non raccontare di qualcosa che conosciamo bene ,qualcosa che si vive ogni giorno?

Bene!Benvenuti a La Spezia, Liguria. Un luogo dove la domenica sera ogni locale è chiuso per paura che arrivino dei clienti. Insoddisfazione e pessimismo si avvertono in ogni momento. Qui la gente non ha il senso del superfluo. Samuel e Giorgio (Sceneggiatori di Vincenzo)sono Spezzini, visto che sono in minoranza ho dovuto accettare senza troppe obiezioni.Ho provato a proporre Brescia come locazione, ma non cè stato verso. Quella che vedete alle mie spalle è la foto della questura di Spezia, dove inizia la storia di Vincenzo, fatta in uno dei miei numerosi soggiorni in loco per recuperare materiale e conoscere le usanze degli indigenii locali.

Ho provato a ricrearla in queste prime 2 pagine.

Certo direte che sono uno stronzo a postarle senza lettering. ma non ho i file sottomano…e poi non vi siete persi nessuna grandissima battuta..

A presto.

NS.

Annunci




Paint it Black

2 07 2008

Due post fa ho scritto che i fantasmi del passato non si dimenticano mai completamente. Fra di loro posso contare anche questo vecciho progetto che ormai conta alcuni anni di elaborazione. Tra modifiche, revisioni di scneneggiatura e periodi morti dove ci si dedicava ad altro,Vincenzo ha continuato a mutare il proprio aspetto fino a giungere all’essenziale Bianco e Nero.

Ho aggiunto un livello di mezzatinta per identificare meglio le atmosfere e alla fine l’azzurro che vedete mi è sembrato il più adatto per rappresentare il clima triste e rassegnato del fumetto. Definita la grafica ho comminciato a disegnare alcune prove. Vignette singole fini a se stesse, giusto per prendere confidenza coi personaggi e con il nuovo metodo di lavorazione.

Dopo qualche vignetta mi sono dedicato ad una pagina vera e propria.

Più avanti posterò nuove pagine. Visto che sono abbastanza discostante su questo progetto spero di non dovere aspettare dei mesi prima di farlo.

A presto.

NS.








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: